Chiavi L'automazione della sicurezza

L’Età dell’informazione

Comunicazioni
Ignora collegamenti di navigazioneHome > Storia della crittografia > L’Età dell’informazione venerdì 14 dicembre 2018
Ignora collegamenti di navigazione

Stiamo vivendo nell’era dell’informazione e per fortuna adesso disponiamo di cifrature la cui affidabilità è senza precedenti, la crittografia a chiave pubblica basata sull'algoritmo dell’RSA, sono in una posizione di netto vantaggio rispetto ai decrittatori.
Questo tipo di crittografia risolve contemporaneamente i due problemi più spinosi per i crittografi: elimina la distribuzione delle chiavi insieme con il punto debole di Enigma, la crittografia simmetrica, in cui la chiave del mittente e del destinatario coincidevano.
L’RSA, essendo una crittografia asimmetrica, è praticamente inviolabile e la chiave per cifrare può essere resa pubblica (chiave pubblica o certificato), mentre quella per decifrare deve restare privata.
Ovviamente poche cose in matematica sono veramente impossibili e il punto debole della crittografia RSA è che in futuro potrebbe essere disponibile un metodo più veloce per la scomposizione in numeri primi.
Simone Testa - www.monci.it